FIFA – SI QUELLA VERA!

10 Luglio 2006 By gaetanoanzisi

La nazionale italiana di calcio ha vinto i mondiali 2006. Ma questo lo sappiamo tutti. Forse non tutti sanno cosa è successo ieri durante la notte a Roma. Io non sono appassionato di calcio ma durante i mondiali mi impegno a partecipare attivamente al Grande Evento. Tutti insieme davanti alla tv a mangiare pizza e ad esultare!!! Yuppi Yuppi. Torniamo alla cronaca della notte romana. Dopo la vittoria degli Azzurri sono andato per le strade della Capitale tra Trastevere e Campo de’ Fiori. La gente sembrava impazzita, regnava il caos più totale. Bandiere, clacson, persone sui tetti delle macchine, gli autobus di linea presi d’assalto, persone ammuchiate sugli scooter senza casco…La Grande Festa per la vittoria degli azzurri. Yuppi Yuppi. Forse non essendo un tifoso del calcio ho vissuto la situazione con stupore misto a incompresnione. Ho notato i i particolari e non la situazione di festa nel suo complesso. Alcune persone erano esaltate e non stavano esultando per la vittoria, si stavano sfogando, stavano violando tutte le regole civili di rispetto delle persone e delle cose creando situazioni pericolose. Ho visto a piazza Trilussa persone tirare i petardi in mezzo alla folla dall’alto a casaccio, accendere fumogeni e agitarli in mezzo alla folla e vicino alle bandiere con il rischio di incendi. Ho visto un ragazzo salire sul tetto di un’automobile in corsa che passava perdere l’equilibrio e cadere sull’asfalto. Ci siamo spostati da piazza Trilussa. Abbiamo attraversato il Tevere e siamo andati verso piazza Farnese. Tutto potevo immaginare meno che trovare la piazza transennata e le forze dell’ordine in tenuta anti-sommossa!!! Ho iniziato ad avere paura. Eravamo dentro i vicoli meravigliosi della Roma antica come dei topi in gabbia. Da una parte i cellerini dall’altra i tifosi che insultavano le forze dell’ordine e ovviamente i francesi…Ci siamo subito allontanati e siamo arrivati a Campo de’Fiori: la situazione era ancora più calda con i ‘tifosi’ che lanciavano oggetti e la polizia pronta a caricare. Cori, insulti e tensione. Riusciamo ad attraversare la piazza incolumi arrivando a Corso Vittorio. Mentre andavamo in direzione di largo Argentina la gente inzia a correre verso di noi. pochi istanti per realizzare che la polizia stava caricando…Mi sono arrampicato su un cancello senza capire cosa stesse succedendo. A quel punto siamo andati ferso il lungo Tevere verso casa. Lungo la strada ho visto cassonetti distrutti e rovesciati, persone che se le davano di santa ragione nei pressi di Piazzale degli Eroi. Si avete letto bene i ‘tifosi’ italiani si picchiavano tra di loro in mezzo alla strada…Io sono senza parole. Le persone mi dicono che sono un caso clinico perchè non seguo il calcio, che ci sono i vandali, i teppisti ma quello che conta è ciò che è successo sul campo ieri sera. Non riesco a comprendere come un appassionato di uno sport possa accettare un compromesso del genere. Come può un vero tifoso accettare questa violenza, questo pericolo apparentemente ingiustificato per vedere una partita allo stadio o festeggiare la Nazionale Campione del Mondo? Per favore qualcuno mi dia delle spiegazioni valide…Io non riesco a trovarle!