Gaetano Anzisi

Rai UGC

Ieri avevo scoperto dell’iniziativa del TG1 Rai che consente l’invio tramite internet di video da proporre durante il telegiornale. L’iniziativa si chiama il “TG1 sei tu” ed è un’apertura incredibile da parte della televisione verso il telespettatore non più passivo con il telecomando in mano seduto sul divano ma attivo e partecipativo. Scopro oggi grazie ad Anna Rosa che esite un’intera sezione web della Rai dedicata al mondo UGC e cioè alla possibilità di proporre contenuti audiovisivi che saranno inseriti all’interno dei palinsesti e dei programmi.

Ma per quale motivo la Rai non promuove l’UGC?
E’ in via sperimentale? Staremo a guardare…

TG1 Rai diventa UGC: il TG1 sei tu

Ieri ho scoperto quasi per caso l’iniziativa del TG1 di far partecipare i telespettatori alla costruzione delle notizie del telegiornale. Questa è una notizia a dir poco SENSAZIONALE! Mamma Rai ma soprattutto il TG1 cioè il telegiornale nazionale, istituzionale, politicizzato, pilotato e chi più ne ha più ne metta apre le porte alla possibilità di proporre video che saranno poi selezionati ed utilizzati durante il TG1 per raccontare le notizie anche dal punto di vista del telespettatore. Si avete letto bene: il web 2.0 e quindi l’UGC (cioè il Contenuto Generato dagli Utenti) fa il suo ingresso nel telegiornale della sera. Questa iniziativa può essere epocale: l’Italia è “tvcentrica” e quindi tutto quello che passa dentro allo schermo tv diventa reale, interessante, noto e quindi da fare e provare! Facebook in Italia ha avuto un accesso di nuovi utentoi pari al 600% dall’estate scorsa solo perchè i media tradizionali ne hanno parlato. Ero iscritto su Facebook da anni e lo usavo per dialogare con gli amici stranieri che lo usavano da tempo. Ora è di moda e persone che purtroppo ancora non usano Internet sono però su Facebook 🙂

Signore e signori posso annunciare orgoglioso che l’avvento della nuova generazione dei media, sociali e condivisi, è imminente!!! Forse sempre più persone inizieranno a capire che mestiere faccio 🙂 Non sono un webmaster! Non sono un informatico! Non sono un programmatore!

Il Tg1 non più solo da vedere, ma anche da fare. Proposte, idee, storie, commenti. Il tema dei filmati non ha limiti. Può essere una festa o una denuncia, un curioso momento personale o la condanna di un sopruso. Immagini divertenti o da meditare.

> Per inviare il tuo video via posta, spediscilo a questo indirizzo
Il Tg1 sei Tu – redazione Tg1
Palazzina A, stanza 259
Largo Villy de Luca 4 – 00188 Roma

The Conversation Prism: social media world


The Conversation Prism
Originally uploaded by b_d_solis.

Segnalatomi da Vale, riporto un immagine del ‘prisma della conversazione’. Realizzato da Robert Scoble e Darren Barefoot presenta in modo semplice l’evoluzione della ‘digital life’ e dei media (primo fra tutti il Web). Infatti alle soglie del 2009 un utente connesso può leggere, ascoltare ma anche e soprattutto creare, partecipare e condividere utilizzando strumenti semplici, economici ed immediati (ad esempio un telefono cellulare). Questo scenario sta cambiando completamente le nostre vite: siamo di fronte ai Social Media lontani anni luce da quella televisione e quella radio mono direzionali (mittente -> ricevente) che rivoluzionarono la vita dell’uomo all’inzio del ‘900. L’utente in quanto consumatore (di informazione) è diventato anche un produttore di informazione. E’ diventato infatti un termine comune nel marketing e nella comunicazione il prosumer cioè un individuo che al tempo stesso è produttore e consumatore. Questa nuova realtà consente di avere (generalizzando) due informazioni: quella dall’alto (istituzioni, aziende, politica, etc) e quella dal basso (la gente comune) con il vantaggio di avere un informazione estremamente pluralista e vera. Un tempo si poteva leggere un quotidiano o più qotidiani comprati in edicola, ma erano comunque informazioni ‘emesse’ da un editore (con vincoli di vario genere) ma soprattutto era un numero ‘finito’ di informazioni; oggi è possibile attingere ad informazioni in tanti modi diversi e ad un numero che tende all’infinito! Ad esempio se voglio comprare un nuovo forno a micro-onde posso andare dal negoziante il quale mi dirà di comprare quel prodotto a quel prezzo (dicendomi ovviamente che è il migliore) oppure posso collegarmi su Internet e leggere le recensioni e le opinioni della gente che lo ha già comprato e fare un confronto sui migliri prezzi per l’aquisto di un forno a micro onde. Posso infine comprarlo direttamente online (risparmiando). Questo cambia tutto, cambia la posizione del nogoziante, la concorrenza, il modo di presentare un prodotto sul mercato e tanto altro. Tutto questo è affascinante e sono contento di starci in mezzo!

Aggiornamento software 2.2 per iPhone

E’ stata rilasciata dalla Apple l’aggiornamento software 2.2 dell’iPhone. Ci sono molti miglioramenti sulla stabilità dell’apparato ma la novità più succulenta è l’ulteriore sviluppo di Google Maps con lo ‘street view’ e molte nuove funzioni come l’invio delle coordinate di un luogo di interesse ad un altra persona via mail. Per gli utenti iPhone che hanno sbloccato il terminale (jailbroken) non aggiornate il firmware alla versione 2.2 altrimentono perderanno Cydia, Installer e tutti i programmi installati non da App Store!

Sicurezza stradale: basta un attimo

I morti continuano a lasciare le loro tracce lungo le strade italiane e non vedo nessun provvedimento forte per cambiare la cultura della strada, della guida sicura per le strade. L’unica azione forte è stata quella di aumentare le sanzioni. Ho trovato questo sito che fa parte di una camapgna istituzionale per sensibilizzare i giovani. Si chiama Basta un attimo ed è totalmente inutile! Hanno anche realizzato un canale su Youtube ed anche questo è  inutile. Questo è il video della campagna


Su un vecchio post avevo già parlato della sicurezza stradale e soprattutto sul tono della comunicazione che ci dovrebbe essere…guardate il video istituzionale dello stato irlandese per sensibilizzare i giovani alla cultura della guida sicura.

SmarCam Digitale Terrestre per Panasonic, Sony e altre marche?

“Rumors” parlano finalmente di una SmarCam universale per poter vedere i canali del Digitale Terrestre a pagamento (criptati) sia per Mediaset Premium che per La7 Più.

Avevo già parlato dello scandalo italiano su Digitale Terrestre rigurado alla SmarCam (cioè l’adattatore), distrtibuito ufficialmente solo per i televisori Samsung, che in realtà funziona con la maggior parte delle TV LCD dotate di digitale terrestre incoroprato. Su Digital Forum esite un forum con la lista delle televisioni che funzionano con la SmarCam marchiata Samsung.

La voce della SmarCam universale per tutti i televisori dotati di Digitale Terrestre incorporato non è confermata ma cercherò di tenere aggiornato il blog sull’argomento.

Stay tuned!

Google Mobile App e voice search

Ha fatto il giro del mondo e della Rete la notizia della settimana scorsa dell’arrivo della funzione di ricerca vocale tramite l’applicazione Google Mobile per iPhone. Ho sentito molte persone dire il ‘melafonino’ non ha i comandi vocali ed io ho sempre saputo che sul terminale mobile della Apple si deve solo aspettare che i servizi vengano sviluppati. Adesso si può cercare un contatto, un luogo sulle mappe, una mail attraverso i comandi vocali ovviamente il tutto combinato con la localizzazione!
Per ora è in ritardo l’aggiornamento dell’applicazione ma potete vedere il video:

YouRank: l’assistente personale del tuo browser

Onedegree, una delle società del gruppo Banzai dove lavoro da 1 anno, ha rilasciato la nuova versione di YouRank: l’assistente personale del tuo browser. Memorizza ciò che fai sul internet catalogando e indicizzando oltre ad incrociare le tue azioni con gli altri utenti di YouRank. In questo modo avrai sempre traccia dei siti che hai visitato e potrai vedere quali sono i trends di navigazione tuoi e degli altri utenti della community: le parole più cercate, i siti più visitati ma soprattutto una cronologia della tua navigazione con tanto di calendario e timeline per avere sempre con te i siti che hai visitato. Non serve più salvare i siti preferiti ma soprattutto puoi ritrovare velocemente un sito interessante ma che non avevi salvato da nessuna parte!!!

Se fate parte di quella setta di persone che ha paura della violazione della propria privacy digitale e analogica non abbiate paura: YouRank ha una gestione della privacy molto sofisticata e potrai decidere cosa far vedere o sapere della tua navigazione. In ogni caso è i dati memorizzati sono completamente anonimi.

Web 2.0 summit 2008 – iphone future

Ralph de la Vega ha parlato degli scenari futuri dell’AT&T e dell’iPhone durante il Web 2.0 summit 2008 che si è tenuto lo scorso week end in California. Ralph non è un porno attore ne un personaggio uscito da un film di Tarantino 🙂 ma è il CEO-Mobility and Consumer Markets dell’AT&T e, durante il summit, ha presentato uno scenario di domotica completamente controllato attraverso un Apple iPhone. Si potranno infatti chiudere porte e finestre; spegnere le luci; accendere, spegnere e programmare gli elettrodomestici; gestire le fonti multimediali come la musica ed i video e quant’altro. Non è un futuro lontano e impossibile, dice Ralph de la Vega, servono soltanto molti soldi per poter portare avanti il progetto. Il terminale mobile di Cupertino è un concenntrato di tecnologia in grado di essere aggiornato e modificato in base alle specifiche esigenze di un determinato servizio. Sono un possessore di un iPhone 3G e posso garantirvi che è una vera e propria piattaforma multi-media e multi-servizi. C’è tutto quello che può essere utile per un business man, un video gamer, un appassionato di musica e di film, è possibille leggere ed editare documenti, navigare su internet e tenersi in contatto sui social network…non ha limiti se non quelli di sviluppo delle applicazioni da parte della casa madre oppure di terze parti.