Gaetano Anzisi

iPhone made in China

E’ imminente l’arrivo in Italia del super gadget iPhone. Leggo sul blog iMazza: “iPhone in Italia è Ufficiale con Telecom e Vodafone iPhone in Italia, ora è ufficiale arriverà con Telecom e Vodafone. Due comunicati dalle aziende: “In vendita entro l’anno, forse anche a giugno“. Ma il problema è che come al solito in Italia arriviamo sempre in ritardo per chi fosse interessato ad acquistare un falso d’autore può acquistare per 100 $ un iPhone cinese identico esteticamente e per le caratteristiche software.

Installando windows xp su mac OSX

installando windows xp su mac osxL’ho dovuto fare. Ebbene si ho installato un sistema operativo windows su un mac. Purtroppo devo fare die test di usabilità dei siti web e la maggior parte degli utenti utilizza ancora l’evoluzione dell’MS-DOS di Guglielmo Cancelli (alias Bill Gates). Inutile dirvi che appena installato è apparsa la finestra con il messaggio ‘il computer potrebbe essere esposto a rischi’…

Emozioni Apple

Sto leggendo il libro ‘Emozioni Apple‘ di Antonio Dini e sono rimasto estremamente affascinato dal capitolo relativo alla storia delle campagna pubblicitarie negli anni. Non sapevo che tutte le campagna sono state curate dalla TBWA compresa quella storica del 1984 che è un omaggio all’omonimo romanzo di George Orwell. Su Youtube è possibile trovare numerosi video che ripercorrono la storia di queste campagne uno dei più belli è quello relativo al periodo 1997-2001 che coincide con il ritorno di Steve Jobs nell’azienda e della sua ripresa dopo un decennio di declino. L’ultima campagna Get a Mac è una parodia meravigliosa che rappresenta lo storico scontro tra un pc e un mac rappresentato da due attori che assomigliano vagamente a Bill Gates e Steve Jobs. Anche se Guglielmo Cancelli (alias Bill Gates) non è stato molto contento della sua parodia (e dell’utente tipo di Microsoft WindowsVista) la campagna ha vinto numerosi premi. Compratevi un Mac, costa di più di un pc è vero, ma non spenderete tempo e soldi per aggiornarlo, formattarlo, proteggerlo dai virus. Invecchierà tecnologicamente, questo si, e sarete costretti a sostituirlo. Lo metterete dentro un armadio e se per caso dopo anni lo ritroverete abbandonato e impolverato, basterà premere il bottone e lui si accenderà

1 iPhone su 4 è “craccato”

iPhoneScomparsi. Ben 1,7 milioni di iPhone su 3,7 venduti nella seconda metà del 2007. Ma non sono stati rubati…” Secondo l’articolo del Sole 24 ore la Apple si è accorta che dei 3,7 milioni di iPhone venduti solo 1,7 milioni sono stati attivati con i vari contratti con gli operatori mobili cui l”apparato è legato nei vari Paesi in cui è venduto. Di questi iPhone scomparsi, circa 1 milione, sarebbero stati ‘craccati’ cioè sbloccati e quindi utilizzabili con qualsiasi SIM. Il danno è sostanziale, perché Apple continua a percepire una percentuale mensile su ogni telefono venduto dagli operatori e lo sblocco illegale porta via centinaia di milioni di dollari di fatturato all’azienda. Povero Steve Jobs 🙁

Macbook Air

MacBook AirEra solo un rumor sulla rete: il notebook più piccolo al mondo ma con lettore ottico esterno. Da ieri è diventato realtà con la presentazione ufficiale di Steve Jobs. Sul sito Apple.com è possibile vedere un video di presentazione e scorrere le sue caratteristiche principali e ovviamente pre-ordinarlo. Sarà disponibile tra un paio di settimane… E’ alto al massimo un paio di cm pesa poco più di chilo, la tastiera si illumina al buio, il mouse pad consente di ruotare le foto e di fare lo zoom su pagine internet, doc e foto. Se già l’iPhone aveva fatto scalpore anche il Macbook Air si farà sentire!

iPhone vs. LG KE 850

Uno dei tormentoni tecnologici sul web di queste ultime settimane è stato quello che ha interessato la disputa tra il nuovo telefono cellulare della LG con l’iPhone di Cupertino (vedi post del 12 genaio 2007). La casa coreana dichiara di averlo realizzato per prima ed ha minacciato una causa per risarcimento di milioni di dollari. Dai video che ho trovato in giro sulla rete e confrontando le specifiche tecniche i due telefoni sono simili solo esteticamente. Il telefono della Apple ha un sistema operativo mac osx come quello installato sui computer della famiglia PowerPC G4!!! Il telefono LG KE 850 utilizza invece un sistema operativo proprietario con un interfaccia realizzata con macromedia flash…Il telefono iPhone ha un sistema operativo del tutto simile ad un computer come quello da cui sto scrivendo ora questo post mentre il telefono KE 850 possiede un sistema operativo con funzioni evolute tipiche degli smart phone già sul mercato da qualche anno. Solo per fare un esempio: avere la possibilità di leggere un documento pdf e word è ormai una caratteristica di tutti gli ultimi telefoni ma con un iPhone è possibile scrivere un documento word e salvarlo in formato pdf. Il fatto che il telefono californiano abbia due configurazioni di memoria, da 4 Gb e da 8 Gb, mentre il coreano possiede appena 8 Mb più una memoria esterna di 256 Mb, aiuta a capire molto. Il mio telefono nokia 6230 acquistato orami 3 anni fa ha le stesse capacità di memoria! La polemica mediatica è solo una trovata della LG per far parlare gratuitamente del suo nuovo telefono cellulare. Un’interfaccia utente con macromedia flash con delle funzioni touch screen è un qualcosa che un qualsiasi bravo sviluppatore può realizzare ed adattare ad un telefono cellulare di ultima generazione. Insomma io credo che stiamo parlando di un cineseria anzi di una coreanata. L’iPhone non è un telefono smart phone, non è un PDA ma un micro computer tascabile mentre LG KE 850 è solo un telefono cellulare che assomiglia nella forma e nell’aspetto esteriore all’apparato mobile di Cupertino. E sorvoliamo anche sullo sponsor presente sulla scocca del telefono LG…

iPhone

Steve Jobs al Macworld Conference & Expo 2007 di San Francisco era vestito come sempre con camicia nera senza collo, jeans e scarpe da ginnastica. La presentazione del nuovo apparato mobile è stata un’autocelebrazione della Apple partendo addirittura dal 1984 con il primo Macintosh. E’ partito da lontano e con un tono molto sarcastico soprattutto verso l’attuale offerta di smartphone e palmari. Mr.Apple (alias Steve Jobs) ha presentato un iPhone perfettamente funzionante collegato allo schermo dell’auditorium: ha effettuato delle telefonate, consultato iTunes e ascoltato musica, ha usato il calendario e navigato su internet attraverso una connessione wi-fi, consultato l’albumo fotografico e guardato un film…
La vera rivoluzione dell’iPhone sembra sia soprattutto nell’interfaccia utente semplice ed intuitiva. Non sono tanto le caratteristiche hardware e le funzionalità tipiche di uno smartphone di ultima generazione la vera rivoluzione. Il device dispone di un solo bottone mentre tutta la navigazione è basata su un menu ad icone che l’utente naviga attraverso uno schermo touch screen usando un dito. Non è previsto il classico pennino da palmare, infatti il menu con icone di dimensioni generose ed un sofisticato sistema di puntamento del touch screen consentono di accedere alle varie applicazioni utilizzando il dito indice (se vi siete fatti crescere l’unghia del mignolo meglio ancora!). Inoltre un sensore di movimento si accorge se il telefono è in posizione verticale oppure orizzontale e quindi adatta la visualizzazione dello schermo. Il design è cool come tutti i prodotti del mondo Apple e utilizza un sistema operativo OSX del tutto simile all’iBook G4 dal quale sto scrivendo questo post. Sono rimasto di stucco nel vedere la funionalità pinch che consente di effettuare uno zoom usando il pollice e l’indice ad esempio su di una pagina web, su una foto oppure sulle mappe di Google. La navigazione utente varia in base alle funzionalità specifiche di ogni applicazione e gestisce in modo ottimale il multitasking: è possibile infatti, durante una chiamata, inviare una e-mail allegando una foto. Insomma se avete tempo e voglia guardatevi il Keynote con Steve Jobs che presenta le funzionalità di questo apparato tecnologico. Cliccate su Watch iPhone introduction (avete Quick Time installato?).

Steve Jobs in persona sembrava emozionato durante la presentazione e forse commosso quando ha ringraziato lo staff presente in sala e la famiglia che ha capito anche quando non tornava per cena a casa perchè preso dallo sviluppo in questi ultimi mesi del super telefonino.

Un amico questa sera mi ha detto che bisogna smettere di parlare e vivere di tecnologia, di internet, di reti wireless, di blog e tornare alla realtà. Ma sono sicuro che con un iPhone la mia vita sarà diversa e sicuramente migliore. La fuffa digitale avrà un’altro aspetto! 🙂 Se non ci credete guardate lo spot su YouTube…