Gaetano Anzisi

A Red Hot Compilation – Dark Was The Night

Questo è il widget di un’interessante iniziativa per la raccolta di fondi per la ricerca sull’HIV promosso dalla Red Hot Organization. Dal 16 febbraio è in vendita la compilation Dark Was The Night con 31 tracce inedite di artisti vari. I soldi raccolti con la vendita dell’album saranno utilizzati per la ricerca sull’HIV. Da vedere il sito della compilation per lo stile vintage.

A Red Hot Compilation – Dark Was The Night

Questo è il widget di un’interessante iniziativa per la raccolta di fondi per la ricerca sull’HIV promosso dalla Red Hot Organization. Dal 16 febbraio è in vendita la compilation Dark Was The Night con 31 tracce inedite di artisti vari. I soldi raccolti con la vendita dell’album saranno utilizzati per la ricerca sull’HIV. Da vedere il sito della compilation per lo stile vintage.

Mondo di prima o mondo di dopo? (da Wired Italia)

…È come se in Italia ci fosse una separazione priva di senso tra un “mondo di prima” che continua a vivere e funzionare con gli stessi canoni e gli stessi tempi del secolo scorso, e un “mondo di dopo” che non si manifesta più nei contesti del secolo scorso che in Italia non si sono mai evoluti: i giornali, la televisione, la politica. Il primo mondo ha tra i suoi contenuti prevalenti la serata di Miss Italia, gli articoli sulla morsa del gelo e le statuette del presepe, la Commissione di Vigilanza Rai e la paura del nuovo: nelle sue frange più avanzate va su internet per leggere Dagospia su Miss Italia e sulla Vigilanza Rai, o su Facebook perché gli hanno detto che da quelle parti si cucca. È un mondo che ha il mito del passato e che una volta sapeva fare altre cose, e alcune anche bene…

Sono rimasto colpito da questo articolo di Federica Cocco uscito sul primo numero di Wired Italia: è una visione dell’Italia molto interessante e forse estremamente vera.

…La cosa più formidabile capitata a un paio di generazioni in questo decennio è stata lo scoprirsi, il riconoscersi, e trovare un mondo nuovo a propria misura, senza doverne occupare uno esistente e dovercisi adattare. Se non c’è stato scontro generazionale negli ultimi vent’anni, è perché i nuovi arrivati si sono diretti altrove e hanno lasciato gli altri là dove stavano: bene o male che sia…

Bjorn Borg e lo spot per la nuova linea di biancheria intima

Immaginate se questo spot venisse trasmesso in italia…

La società svedese ha realizzato questo spot ed un sito web decisamente provocatorio sul Vero Amore, quello incondizionato e senza limiti, in un mondo che non esiste (per ora) in cui è un prete donna che sposa due preti gay!

Berlusconi al prossimo G8 proporrà una regolamentazione del Media Internet

Silvio Berlusconi ha dichiarato in questi giorni che l’Italia proporrà al prossimo G8 una regolamentazione del Media Internet. Non si conoscono i dettagli ma questo interesse del Signore della TV mi fa riflettere: il Cavaliere si è sempre e solo preoccupato del buon vecchio tubo catodico (oramai lcd o plasma) per ovvi motivi di interesse economici. Adesso però qualcosa è cambiato! E’ probabile che si sia reso conto che non è più possibile intrattenere gli Italiani accomodati sul loro divano con il telecomando in mano. Nonostante i suoi 70 anni suonati qualcuno gli deve aver detto non solo che Obama ha vinto la campagna elettorale in USA grazie anche alla notevle presenza su Internet ma che gli Italiani che restano davanti alla TV sono over 60 mentre tutto il resto è “altrove”. Questo significa una perdita di consumatori e quindi del valore degli spot tv soprattutto di tutti quei prodotti per target che vanno dai 15 ai 25 e dai 25 ai 40 anni.
Allora mi chiedo: vuole entrare anche nel mondo dei “Nuovi Media” oppure vuole soltanto ostacolarlo con delle Regole? Temo che oramai alla sua età e con il suo potere consolidato non abbia la forza e la capacità di intraprendere una nuova impresa in un “Nuovo Media” come Internet. Sono contento che stia accadendo questo perchè darà la giusta visibilità alla Rete che saprà auto regolamentarsi e auto gestirsi come ha fatto fin’ora e sarà molto difficile regolamentarla.

Forse non tutti sanno che oltre alla Radio, alla TV e alla Stampa esitono nuovi media che hanno una forza e una partecipazione collettiva incredibile e questo è un fatto che sta cambiando le nostre vite e la nostra cultura. Non sto parlando di Facebook ma della multimedialità e dell’interazione partecipativa che è molto di più della TV (analogica e digitale), della Radio e della Stampa. In questo video ecco un esempio di cosa è disponibile per i computer (da collegare alla vecchia tv) e per i telefoni di ultima generazione come ad esempio l’Iphone. Si chiama Livestation (ma esiste anche Joost) ed è un software che consente di guardare la tv in diretta tramite un computer o un telefono di ultima generazione.

AppleReport.nl LiveStation Review from Apple Report on Vimeo.

Non tutti sanno che…

Ecco a voi una nuova post-rubrica sullo stile della Settimana Enigmistica dove sarà possibile trovare curiosità, consigli e forse qualche banalità dal mondo della Digital Generation. Come stampare un documento word? Come si legge la proporia casella di posta elettronica da un un altro computer che non ha outlook? In questa post-rubrica scoprirete i misteri del Digital Divide e diverrete in breve tempo dei Guru delle Nuove Tecnologie. Parlerete con i vostri amici di teorie quantistiche ma soprattutto saprete inviare un file mp3 via bluetooth dal vostro cellulare a quello della vostra ragazza.:-) Buona lettura!

E’ un’idea ci sto pensando nel frattempo sono ben accette proposte 🙂