Gaetano Anzisi

Google Wave

Ho appena visto il video di presentazione. Credo sia qualcosa che vada oltre il web attuale. Oltre Facebook, Linkedin, Flickr e gli altri social media della (vecchia) generazione 2.0.

“A wave is equal parts conversation and document. People can communicate and work together with richly formatted text, photos, videos, maps, and more.
A wave is shared. Any participant can reply anywhere in the message, edit the content and add participants at any point in the process. Then playback lets anyone rewind the wave to see who said what and when.
A wave is live. With live transmission as you type, participants on a wave can have faster conversations, see edits and interact with extensions in real-time”.

 Il video di presentazione di tutte le funzionalità è lungo ma è strabiliante.

Il fondo Quantica investe 4,3 milioni di euro per finanziare il Gruppo Banzai di Paolo Ainio

In un articolo del Corriere della Sera offline di oggi a pagina 33 si parla dell’investimento di 12,5 milioni di euro di Quantica SGR nel settore biotech e nel settore web. La società web che ha ricevuto 4,3 milioni di euro è la start-up Banzai S.p.A.. In particolare il capitale investito permetterà al Gruppo Internet, fondato da Paolo Ainio e Andrea Di Camillo, di sviluppare ed esportare all’estero due dei suoi progetti: il social serach engine Yourank ed il blog aggregator Liquida.

Sono passati circa 10 siamo passati nella bolla del 2001 ma forse finalmente Internet inzia ad essere riconosciuto anche in Italia come un settore industriale pari agli altri.

Bavo Paolo e tutto il Gruppo Banzai!!!

Commoncraft.com inventa i Paperworks: video user friendly

We make complex ideas easy to understand using short and simple videos“. L’idea di questi due ragazzi di Seattle è quella di realizzare video (con un format tip storyboard in stop motion) semplici ed immediati che possano spiegare quali sono le funzionalità ed i vantaggi di utilizzare un certo media. Ad esempio perchè un azienda dovrebbe utizzare un social network? Semplice! Per trarne vantaggi di marketing e di analisi di comportamento degli utenticlienti. Il video è semplice chiaro ed esplicativo. Servierebbe tanto un qualcosa di simile qui in Italia per far capire ai grandi capi della comunicazione di non aver paura di aprire un corporate blog! Ah dimenticavo: nel portfolio di questi due ragazzi ci sono tra i tanti clienti del calibro Linkedin e Google…

Social Media in Plain English from leelefever on Vimeo.

What is LinkedIn? from LinkedIn Marketing on Vimeo.

Social Network in Plain English from Encontro de Pessoas Vivo 2008 on Vimeo.

Il censimento dei web project manager 2008

Riporto la pagina del sito Fucinaweb di Antonio Volpon relativa al censimento dei web project manager. E’ una rielaborazione molto interesante, focalizzata solo sulla professione del web project manager, tratta dall’indagige fatta dal webzine A List Apart. Non conosco di persona Antonio, per ora ci siamo solo scambiati contatti web (post e linkedin) ma trovo molto interessante il suo spazio web (complimenti!) perchè tratta con competenza e passione la nostra professione.

Map of the world 2.0

Il sito AppAppeal.com ha creato una rappresentazione di tutti i siti web, i social network, i blog e le aziende che hanno generato ambienti web 2.0. Potete visualizzare la mappa che è composta da 1001 loghi….è utile questa informazione che ho scritto? Non credo…ma è venerdì, sono cotto e non ho potuto fare di meglio!

Web 2.0 workplaces

Il capofamiglia degli iMazza mi ha girato un link ad un post molto interessante che racconta gli uffici delle aziende più famose del Web 2.0 come Facebook, Netvibes, Twitter , Lastfm e Flickr. Quello che colpisce è l’età delle persone, il loro look, gli ambienti di lavoro di società che sono quotate milioni di euro. Ci si aspetta manager over 70 con i capelli bianchi in giacca e cravatta, uffici grigi con stanze a perdita d’occhio…insomma l’ufficio medio italiano. Ma La realtà è diversa:

  • un 40enne è ‘anziano’ in questi ambienti di lavoro, spesso è l’amministratore delegato
  • la maggior parte dei dipendenti ha un ‘età compresa tra i 19 e 25 anni
  • gli orari di lavoro sono elastici, si entra tardi la mattina ma non esiste un orario di uscita certo
  • l’abbigliamento è molto casual e ‘stiloso‘, la cravatta e la camicia sono delle punizioni da indossare, delle vere punizioni corporali
  • la tecnologia è parte integrante dell’ufficio (la apple regna sovrana e gadget di ogni tipo)
  • l’oggettistica sulle scrivanie, l’arredamento è minimalista e richiama personaggi dei fumetti, videogames e personaggi del cinema
  • alla macchinetta del caffè non si parla di calcio, ma della nottata davanti all’ultimo videogames uscito per la XBOX 360

Anche nel nostro Bel Paese dove il Presidente della Repubblica ha 84 anni esistono luoghi come questo. E per me che non so un accidente della SERIE A è una grande fortuna!

Head Quarter Prodigi WebHead Quarter di Prodigiweb: ecco cosa vedo dalla mia postazione di lavoro.

Widget and Gadget

Come avete potuto notare sulla spalla sinistra del blog è presente un’area dedicata ai Widget e Gadget. Nell’ordine troverete:

  • My LinkedIn Profile – con il mio profilo progessionale (curriculum vitae, scuola ed i miei contatti di lavoro)
  • Fringami – per promuovere chiamate gratuite tramite smartphone dotati di connessione wi-fi
  • Get My Widget – per chi volesse inserire sul proprio spazio web i miei post
  • See my bookshelf – un social network dedicato al mondo dei libri e della lettura
  • Google Calendar – per consultare il mio calendario pubblico per sapere i miei impegni
  • iGoogle – se volete potete aggiungere un box con gli ultimi post sulla vostre pagina personale di iGoogle
  • Flickr – per vedere il mio photo album
  • LastFM – per scoprire e ascoltare la mia musica preferita
  • Facebook – il social network per eccellenza anche se non lo frequento molto…

Insomma avete modo di violare la mia privacy come più vi aggrada!