Gaetano Anzisi

Personas: ovvero come identificare dei modelli utente per progettare interfacce web (e non solo!)

Il titolo di questo post è un lungo ma l’argomento è molto ampio e articolato. Dopo anni di progettazione web mi trovo sempre di fronte al solito problema che è sempre più italiano: la progettazione di un’interfaccia web (e non solo) viene ideata sulla base di oscuri criteri che si basano spesso sui gusti (discutibili) del proprietario del sito oppure del progettista o web designer che realizza il progetto. La scelta dei colori ma soprattutto la disposizione degli elementi di navigazione e di tutte le funzioni di servizio e di interazione con l’utente sono ‘progettate’ secondo intuizioni di un singolo o peggio sulla base dei “capricci del capo”… Realizzare un’interfaccia utente secondo lo user centered design cioè basandosi sui gusti e le esigenze degli utenti di quel sito è un qualcosa di scientifico che deve basarsi su metodi e criteri ben precisi. Come segnala Alberto sul suo prezioso blog , la progettazione deve basarsi sulla valutazione del comportamento di chi utilizza (o utilizzerà) il prodottoservizio. E’ necessario pertanto analizzare i comportamenti degli utenti utilizzando sia dati analitici sia intervistando gruppi di “utenti-tipo”. L’obiettivo finale è quello di identificare classi di personas cioè uno o più profili di utenti che possano rappresentare il bacino di utenza di quel sito-prodotto-servizio. E’ semplicemente così. Si deve fare questa analisi prima di progettare, prima di fare la veste grafica e prima di produrre. E’ la realtà del resto del mondo web e funziona! Noi quando iniziamo? Quando usciamo dall’Era paleozoica del web? Quando smettiamo di litigare sui colori basandoci solo sui nostri gusti personali?
Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento ecco qui un post molto interessante su The Think Blog di Flow Interactive azienda specializzata User-centred design,research and strategy.

0 Reviews

Write a Review

Personas: ovvero come identificare dei modelli utente per progettare interfacce web (e non solo!)

Il titolo di questo post è un lungo ma l’argomento è molto ampio e articolato. Dopo anni di progettazione web mi trovo sempre di fronte al solito problema che è sempre più italiano: la progettazione di un’interfaccia web (e non solo) viene ideata sulla base di oscuri criteri che si basano spesso sui gusti (discutibili) del proprietario del sito oppure del progettista o web designer che realizza il progetto. La scelta dei colori ma soprattutto la disposizione degli elementi di navigazione e di tutte le funzioni di servizio e di interazione con l’utente sono ‘progettate’ secondo intuizioni di un singolo o peggio sulla base dei “capricci del capo”… Realizzare un’interfaccia utente secondo lo user centered design cioè basandosi sui gusti e le esigenze degli utenti di quel sito è un qualcosa di scientifico che deve basarsi su metodi e criteri ben precisi. Come segnala Alberto sul suo prezioso blog , la progettazione deve basarsi sulla valutazione del comportamento di chi utilizza (o utilizzerà) il prodottoservizio. E’ necessario pertanto analizzare i comportamenti degli utenti utilizzando sia dati analitici sia intervistando gruppi di “utenti-tipo”. L’obiettivo finale è quello di identificare classi di personas cioè uno o più profili di utenti che possano rappresentare il bacino di utenza di quel sito-prodotto-servizio. E’ semplicemente così. Si deve fare questa analisi prima di progettare, prima di fare la veste grafica e prima di produrre. E’ la realtà del resto del mondo web e funziona! Noi quando iniziamo? Quando usciamo dall’Era paleozoica del web? Quando smettiamo di litigare sui colori basandoci solo sui nostri gusti personali?
Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento ecco qui un post molto interessante su The Think Blog di Flow Interactive azienda specializzata User-centred design,research and strategy.

0 Reviews

Write a Review

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: